Eliminare gli errori “classici” che rallentano la tua lettura

Cari amici,

è martedì, e, come di consueto, vi presentiamo un altro post con il quarto passo (dei sette) della rubrica “L’ABC DELLA LETTURA VELOCE: cosa ti occorre per leggere più velocemente (e ricordare ogni cosa)”.

I precedenti  passi sono stati  Desiderarlo con tutte le forze ed essere convinti di riuscire Presenza e concentrazione; Rilassamento Focalizzato, oggi parliamo dele cattive abitudini che ti rallentano mentre leggi.

Eliminare gli errori “classici” che rallentano la tua lettura

Finalmente arriviamo alla pratica della lettura veloce.

Però, prima di iniziare, la prima cosa da fare è un test di lettura per stabilire la vostra velocità di partenza, cioè quello che riuscite a leggere (e a capire) ora. Sulla rete si trovano infinite risorse di questo tipo, ma potrete anche farlo in casa (e anche meglio) prendendo un testo qualsiasi di circa 2.000 parole (potete scansionarlo o copiarlo da un ebook e incollarlo in word in modo da misurare il numero esatto di parole) e leggerlo con attenzione mentre vi cronometrate. È molto importante leggere con attenzione, altrimenti correte due gravi rischi:

  • il primo è che non comprendete nulla di ciò che leggete, nel tentativo (assurdo) di “fare bella figura” e leggere velocemente. In questa fase occorre leggere per capire, come siete normalmente abituati, sapendo che poi vi verranno fatte domande su quel testo.
  • Il secondo rischio è quello di falsare, con una lettura frettolosa e inefficace la vostra velocità reale. Così facendo, renderete anche meno evidenti i vostri successivi miglioramenti. Perciò, attenzione e non abbiate fretta!

Una volta terminata la lettura, segnate il tempo impiegato (in minuti e secondi, poi trasformate tutto in secondi) e calcolate la vostra velocità che è espressa dalle Parole Al Minuto (PAM) secondo questa formula:

Infine, fatevi fare da un’altra persona dieci domande sul contenuto del testo in modo da verificare se lo avete compreso e in quale grado.

Se risponderete esattamente a cinque domande su dieci la vostra capacità di comprensione sarà del 50%. Per questo è importante, per questa prima lettura di riferimento, leggere lentamente e con estrema attenzione il testo.

Ora veniamo all’argomento di questa lezione: eliminare gli errori “classici” che ti rallentano; il secondo è imparare a velocizzare i propri occhi.

Ormai conoscete la vostra velocità iniziale (la media è fra le 100 e le 150 PAM) e potrete verificare di quanto migliorerete!

Perciò,  per prima cosa, mettiamoci al lavoro per elimininare  gli errori, che sono i principali responsabili della nostra lettura lenta (o non veloce).

Uno degli errori più comuni consiste nel leggere subvocalizzando (cioè leggendo a bassa voce o anche solo con la “voce mentale”). Questo limita la velocità di lettura a quella della dizione, bloccandola a non più di 150 – 200 parole al minuto. In realtà il nostro occhio-cervello può leggere ben oltre le 1.000 parole al minuto, con il giusto training.

Prova a renderti conto di come leggi. Senti la vocina mentale leggere dentro di te? O, addirittura, leggi sottovoce? Allora hai il limitatore inserito! Sbloccalo subito!

Ovviamente cambiare abitudine richiede tempo e lavoro, ma siamo qui per questo.

Il secondo errore è il cosiddetto movimento di regressione cioè la rilettura di quei passi non del tutto chiari durante la prima lettura.

Infatti, a volte, proprio perché leggiamo troppo lentamente, ci distraiamo, perdendo, così, il filo del discorso. La nostra mente se ne va da un’altra parte mentre gli occhi scorrono le righe. Questo ti mostra che potresti andare molto più veloce! Quando questo accade cosa fai? Torni indietro a leggere quello che non hai capito o i passi nei quali non eri centrato, eri distratto. Ebbene, non solo questa cattiva abitudine ti rallenta (e moltissimo!), ma è appurato, che non aumenta affatto la nostra comprensione, anzi, la diminuisce. A questo proposito, bisogna ricordare la Legge di Pareto, in base alla quale nel 20% del testo sta l’80% del significato. Tony Buzan, ideatore della Mappe Mentali, sostiene addirittura che nel 10% del testo sta il 90% del significato.

Perciò, già facendo solo così, cioè eliminando questi due gravi errori, puoi subito velocizzare di molto la tua lettura.

Continuate a seguirci! La settimana prossima, parleremo di come usare la luce per leggere più velocemente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *